MARCEL PAGNOL

28 febbraio 1895 – 18 aprile 1974

Nato il 28 febbraio 1895 ad Aubagne (Bouches-du-Rhône), Marcel Pagnol ha studiato letteratura all’Università di Aix-en-Provence prima di stabilirsi a Parigi dove nel 1924 iniziò a scrivere opere teatrali. Il suo primo lavoro “Marchands de Gloire” ottiene recensioni negative, ma Pagnol non si abbatte e scrive la sua seconda opera “Topaze” e poi “Marius” che diventeranno grandiosi successi.

Poi l’approdo al cinema, passione scatenata dopo aver assistito a Londra alla proiezione di “Broadway Melodies”, uno dei primi film dell’epoca.

Anche al suo esordio cinematografico i critici non gli riserveranno critiche ma non lo scoraggiano e vincerà la sfida supervisionando l’adattamento al cinema della sua commedia “Marius” che diventerà un clamoroso trionfo!

Nel 1936 dirige “César” un film caratterizzato dalla qualità dei dialoghi. Seguiranno “Jofroi”, “Regain” e “La Femme du boulanger”. Dopo l’incontro con Jacqueline Bouvier, che diventerà sua moglie, la dirige in “Manon des Sources”. Nel 1946 Marcel Pagnol divenne membro dell’Accademia di Francia.

In seguito alla morte della figlia di 4 anni, Estelle, nel 1954 si ritira dal cinema per dedicarsi alla scrittura di romanzi autobiografici, riappare nel 1960 per presiedere il Festival di Cannes. Marcel Pagnol morì il 18 aprile 1974 nella sua casa in Avenue Foch a Parigi.

L’onore è come un fiammifero, serve una volta sola

OMAGGIO A MARCEL PAGNOL

20 MARZO 2017 | INSTITUT FRANCAIS SAINT-LOUIS La VIII edizione della Settimana francese si conclude con la proiezione speciale di “Marius”, la storica pellicola del 1931 da poco restaurata, uno dei capolavori della cosiddetta “trilogia marsigliese” che è stato proposto al Centre Saint-Louis in versione originale con sottotitoli in italiano, una serata straordinaria dedicata al celebre commediografo e regista francese Marcel Pagnol, che vedrà quale Ospite d’Onore il nipote Nicolas Pagnol. che risponderà alle curiosità del pubblico e soprattutto degli allievi del Lycée Chateaubriand di Roma.

LA VOIX HUMAINE

15 MARZO 2017 | LA CANTINA DEGLI ARTISTI DI CORSETTI La Compagnia delle Artivendole rivisita la tragédie lyrique del 1958 del compositore francese Francis Poulenc su testo teatrale di Jean Cocteau del 1930. L’opera letteraria e il melodramma, un monologo al femminile, rappresentano la complicata rottura di un rapporto d’amore. Protagonista ed unico personaggio una donna che dopo essere stata lasciata, telefona al suo compagno. La donna, ancora innamorata, parla con l’uomo del quale non si sente mai la voce. L’opera, che prevede lunghi passaggi di canto senza accompagnamento musicale, miscela sapientemente il dramma a momenti di vera ed esilarante commedia. In occasione della Settimana francese si ripropone un grande capolavoro nella cui interpretazione si sono misurate anche magnifiche artiste del panorama italiano: da Anna Magnani, diretta da Roberto Rossellini nel film a episodi “Amore” alla straordinaria soprano recentemente scomparsa Magda Olivero.